Tradizioni natalizie negli Stati Uniti: Da Santa Claus a Kanakaloka

Home / blog / Tradizioni natalizie negli Stati Uniti: Da Santa Claus a Kanakaloka

Negli Stati Uniti, le celebrazioni per il Natale cominciano con il giorno del Ringraziamento. Nella sfilata che si svolge in tale giorno a New York una delle figure che è possibile ammirare è proprio quella di Santa Claus. Comincia così il periodo dello shopping natalizio, durante il quale negozi e centri commerciali attirano clienti con alberi di Natale, regali, decorazioni, biglietti di auguri e molto altro ancora.

Sulla costa est (per esempio in Massachusetts, Connecticut e Rhode Island) ci sono i cosiddetti Christmas Shops (negozi di Natale) che vendono decorazioni e giocattoli natalizi tutto l’anno.

Le famiglie vanno alla ricerca di un albero e di decorazioni per abbellire le proprie case internamente ed esternamente. Vengono anche appese delle calze ai caminetti, in modo che Babbo Natale le riempia con piccoli doni. È tradizione che i bambini lascino un bicchiere di latte e un piatto di Christmas cookies (biscotti di Natale) per Babbo Natale.

Nonostante il Natale sia per molti Americani una festività religiosa, le corti federali hanno elevato il suo status a giorno festivo in cui istituzioni governative ed esercizi commerciali sono chiusi.

Il tradizionale pranzo di Natale è legato alle differenti culture e tradizioni dovute alla natura multiculturale del paese. I piatti più comuni sono tacchino ripieno o glazed ham (prosciutto glassato) con contorni come patate, verdure o salsa ai mirtilli rossi (cranberry sauce), e dolci come il gingerbread (pan di zenzero).

Nelle città spesso le strade sono decorate con luci e il luogo più famosa dove ammirare le decorazioni natalizie è il conosciutissimo Rockfeller Center di New York, in cui padroneggia un grande albero di Natale con al centro una pista di pattinaggio sul giaccio.

Alle Hawaii Babbo Natale viene chiamato Kanakaloka!

Negli Stati Uniti del sud-ovest, le tradizioni hanno caratteristiche simili a quelle messicane, per esempio l’uso di luminarias o farolitos (piccole lanterne di carta con una candela al suo interno); vengono accese durante la Vigilia di Natale e sistemate all’esterno delle case: indicano la strada a Giuseppe e Maria verso un luogo in cui trovare riparo. Molti americani di origine messicana celebrano anche Las Posadas, evento durante il quale viene rievocata la notte del 24 dicembre.

Nella Louisiana del sud, alla Vigilia di Natale, le piccole comunità che vivono lungo il fiume Mississippi accendono falò lungo le rive del fiume per aiutare “Papa Noel” (il nome di Babbo Natale in francese, data l’origine francese dello stato) a trovare la strada per consegnare i regali ai bambini!

L’intrattenimento in questo periodo dell’anno è molto vario: vengono proposte diverse rappresentazioni del balletto Lo Schiaccianoci di Tchaikovsky, alle classiche recite scolastiche e spettacoli con canti natalizi. In tv vengono proposti grandi classici quali Miracolo nella 34° strada (1947 o 1994) e La Vita è Meravigliosa (1946) insieme ai film di animazione preferiti dai bambini.

Non vi è venuta voglia di partire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *