English at work, ovvero i corsi di inglese per aziende

Home / attività / English at work, ovvero i corsi di inglese per aziende

Per un’azienda la lingua inglese rappresenta un partner che spalanca le porte all’internazionalità. Competere nel contesto internazionale è una sfida che le aziende, oggi, sono chiamate ad affrontare e, per ottenere risultati soddisfacenti, è necessario prepararsi al meglio, anche dal punto di vista comunicativo, migliorando il proprio livello di conoscenza della lingua inglese.

Corsi di lingua aziendali. Inglese generale o inglese specialistico?

I corsi di inglese frequentati in azienda supportano i singoli e le imprese nel raggiungimento di determinate competenze comunicative al fine di incrementare gli affari nonché i contatti al di fuori dell’azienda.

Le lezioni, che seguono le linee guida del Quadro Comune Europeo (QCER), sono orientate a settori specifici quali, per esempio, commerciale, amministrazione, legale, finanziario, medico etc. oppure con finalità tecniche e vengono inoltre organizzate su specifiche nozioni “trasversali” quali le soft skills, la gestione telefonica, l’accoglienza e tanto altro. Non mancano inoltre lezioni finalizzate al miglioramento delle conoscenze legate al general English o al conseguimento di certificazioni linguistiche.

Il progetto didattico ed organizzativo del percorso è sviluppato considerando il livello di partenza dei partecipanti, gli obiettivi e il ruolo all’interno dell’azienda.

Inglese in azienda: metodi e tempistiche

In seguito all’accertamento della conoscenza della lingua mediante un test scritto ed eventualmente un colloquio orale, emergeranno anche le esigenze del singolo studente, siano esse legate a motivazioni di carattere personale oppure all’incremento delle opportunità lavorative. Gli incontri potranno essere dei seguenti tipi:

  • Individuali o di gruppo;
  • General English;
  • Business English;
  • Altri settori legati alla conoscenza dell’inglese specialistico (per esempio scientifico, medico, meccanico);
  • Lezioni mirate al conseguimento di certificazioni linguistiche, come per esempio le certificazioni Cambridge BEC.

Le lezioni simulano situazioni concrete (presentazioni, meeting, telefonate, email), fornendo ad ogni studente le competenze necessarie per padroneggiare al meglio una lingua straniera nel minor tempo possibile, grazie all’utilizzo del metodo funzionale comunicativo.

Saper comunicare in modo efficace con venditori, fornitori e clienti è di vitale importanza per la sopravvivenza dell’azienda e delle sue relazioni con i nuovi clienti esteri.

Distinguersi dalla competizione: se i concorrenti dell’azienda non hanno gli strumenti linguistici necessari per chiudere un accordo, ad esempio il fatto di aver partecipato anche a qualche training in materia di public speaking piuttosto che presenting skills, saranno ottime le possibilità di concludere buoni affari e creare nuovi potenziali clienti.

Marketing: la pubblicità che l’azienda dovrà creare sarà chiaramente nella lingua del proprio mercato di riferimento. Sicuramente mettersi nelle mani di un esperto copywriter che scrive in lingua sarà la cosa più ragionevole da fare, ma quantomeno si potrà partecipare alla fase di brainstorming portando avanti le proprie idee con sicurezza.

In conclusione, sarebbe opportuno cercare di far passare il concetto che avvicinarsi ad un’altra lingua significa anche capire alcune dinamiche comportamentali (business e non) della cultura che sta dietro a essa; a volte quindi non si tratta di farsi insegnare come dire cosa, ma proprio di cosa dire in certe situazioni di circostanza.

Pronti a imparare l’inglese al lavoro? Let’s go!